Progetti

Linee operative del progetto:

 

“Da rischio a risorsa: educare con progettualità”

 

 

 

 

 

Ente finanziatore

 

-         Fondazione CRT

 

 

 

Ente promotore

 

- Parrocchia Spirito Santo

 

 

 

Enti partners del progetto

 

- C.I.S.S. (Consorzio Intercomunale Servizi Sociali) di Pinerolo

 

- Comune di Pinerolo

 

 

 

 

 

Dati sintetici del progetto

 

 

 

Presupposti

 

 

 

Nel territorio di Pinerolo sono presenti numerosi gruppi di adolescenti e pre-adolescenti a rischio: per questi ragazzi non sussistono risorse adeguate per evitarne degrado e disadattamento. La Parrocchia dello Spirito Santo osserva una crescente presenza di tali gruppi all’interno dell’oratorio.  Per rispondere alle urgenti necessità dei minori in situazione di disagio, sarebbe indispensabile la presenza costante e qualificata di un educatore, capace di seguirli in maniera più specifica e personalizzata, specialmente nel loro tempo libero.

 

 

Obiettivi generali

 

 

Offrire un servizio di accoglienza e tutela pomeridiana per una decina di minori sulla falsariga dei centri aggregativi attivati in Torino e Provincia. Si prospettano due fasi: innanzitutto scongiurare fenomeni di devianza minorile,  di abbandono e di disagio a vario titolo. In seconda istanza tentare percorsi di recupero e di crescita individualizzati per un inserimento sereno nella società.

 

 

Modalità e tempi di realizzazione

 

 

-          Modalità

 

Assunzione di un educatore, che costituisca un riferimento costante e sappia con professionalità proporre ai minori percorsi adatti di maturazione.

 

Inserimento dei minori in attività già esistenti, con coetanei non a rischio, per fare esperienza positiva di aggregazione e  per canalizzare costruttivamente tendenze di aggressività.

 

Incremento del lavoro di rete con famiglie, agenzie educative ed istituzioni.

 

 

-          Attività principali

 

Attività di sala studio: svolgimento dei compiti, aiuto allo studio, approfondimento e ricerca culturale.
Attività ludico-sportiva: gioco libero animato, tornei sportivi individuali e di gruppo, competizioni.

 

Laboratori per lo sviluppo della capacità espressive, artistiche e teatrali.

 

Uscite di gruppo al fine di socializzare.

 

 

-          Tempi di realizzazione

 

1 anno: settembre 2013 - agosto 2014.  

 

3 giorni alla settimana: martedì – mercoledì – venerdì dalle 15.00 alle 18,30.

 

Nelle mattinate della settimana incontri informali e formali con famiglie e Istituzioni.

 

Nei fine settimana, al di fuori del progetto, l’oratorio parrocchiale rimane aperto per garantire un’accoglienza di base.

 

 

Soggetti destinatari

 

 

Massimo 10 minori da individuare in base alla tipologia ed emergenza dei casi, anche su segnalazione di istituzioni ed agenzie educative del territorio.

 

Si può trattare in ogni caso di adolescenti e preadolescenti, maschi e femmine, italiani e stranieri, abitanti la città di Pinerolo e frequentanti le scuole limitrofe alla Parrocchia.  Le rispettive famiglie possono essere in carico ai Servizi Sociali o ad essi segnalati.Alle famiglie aderenti al progetto viene richiesto di stipulare un “patto di collaborazione” per assicurare la frequenza dei minori nei giorni prestabiliti e rendere possibile una fattispecie di presa in carico da parte del personale del progetto.

 

 

Partners del progetto o dell'iniziativa

 

 

Il progetto mira a sensibilizzare le Istituzioni su una modalità testata ed efficace di intervento sulle problematiche dei minori svantaggiati quale il centro aggregativo per minori.

 

Pertanto, in ottica di sviluppo della rete con le Istituzioni, il progetto coinvolge nella sperimentazione il Comune di Pinerolo, i Servizi Sociali e le Scuole di provenienza dei minori.

 

 

Personale che sarà impegnato per la realizzazione del progetto o dell'attività

 

 

Principalmente l’educatore assunto. Collaborano alcuni volontari: si occupano degli ambienti e intervengono nella gestione delle attività della sala studio, laboratoriali e sportive.

 

Il coordinamento del progetto è a carico del vice-parroco, che garantisce la continuità dell'iniziativa attraverso il lavoro di rete con le Istituzioni.

 

 

Modalità previste per la verifica dei risultati

 

 

Il raggiungimento degli obiettivi è monitorato attraverso i P.E.I. (Piano Educativo individuale) aggiornati secondo gli elementi che quotidianamente emergono.

 

Indicatori principali sono il comportamento, la partecipazione e il miglioramento sociale.

 

Gli strumenti di rivelazione sono l'osservazione e i colloqui formali e informali.

 

 

CONTATTI

 

 

Responsabile progetto: don Mario Fissore

 

 

cell 339.3374350;  e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Educatrice di progetto: Debora Rovere

 

                    cell 338.6875187; e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

primi sui motori con e-max

Free Joomla! template by Age Themes

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy PolicyChiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.